Il giardino di Archimede
 Il giardino di Archimede
 Un museo per la matematica

 
 

Nel mondo dei numeri

  Nel mondo dei numeri è una collana di libri per bambini ideata da Il Giardino di Archimede. Attraverso storie più o meno semplici si conducono i piccoli lettori alla scoperta di importanti momenti della storia della matematica. Ogni storia è dedicata a un diverso tema ed è ispirata all'effettivo contesto in cui fondamentali scoperte e invenzioni sono state realizzate.
 
 
 
 
 

Imhep misura i campi

testo di Enrico Giusti, illustrazioni di Andrea Rauch
In un tempo molto lontano, il faraone d'Egitto volle dividere in parti uguali le sue terre fra tutti i sudditi, in modo da non creare gelosie e far contribuire ognuno in modo uguale alle tasse. Mandò perciò i suoi funzionari a dividere il terreno con una corda di lunghezza prestabilita per circoscrivere il terreno senza fare differenze. Il giovane Imhep, però, si accorse che, così facendo, i cubiti racchiusi all'interno della corda non erano sempre gli stessi, se i lati del campo erano diversi. I funzionari del faraone allora fecero in modo di avere campi con tutti i lati uguali tra loro. Di nuovo, però, Imhep si accorse che i cubiti racchiusi all'interno della corda non sempre erano uguali. Qual era allora il modo per calcolare la superficie giusta per ogni campo? Imhep trovò la soluzione e da quel momento il suo metodo fu sempre utilizzato per assegnare il terreno ai sudditi del faraone. Dall'Egitto questo sistema arrivò in Grecia, e da lì è nata la geometria.
60 pagine, illustrazioni a colori

 

Awa insegna a contare

testo di Enrico Giusti, illustrazioni di Simone Frasca
Molto molto tempo fa i numeri non c'erano ancora. Oltre "uno" o "due" tutto era "di più". Ma non poter distinguere ad esempio "cinque" da "cento" provocava spesso vari guai. Questo problema era ben presente ad Awa, una bambina che viveva in un lontano villaggio dell'Africa. Per far fronte alla "moltitudine" Awa trova modi sempre più efficaci per esprimere le quantità insegnandoli a tutto il villaggio. La storia di Awa ripropone in forma narrativa alcune tappe sulla nascita della numerazione orale.
Nell'appendice, "Quanto c'è di vero nella nostra storia?", si riportano alcuni modi di contare di tribù primitive, che ci possono suggerire come i numeri siano nati e si siano sviluppati.
44 pagine, illustrazioni a colori
 

Il Regno di Regiomonte

testo di Raffaella Petti, illustrazioni di Simone Frasca
In una rivisitazione fantastica del problema dei ponti di Königsberg, un coraggiosissimo cavaliere deve trovare un percorso che attraversi una sola volta tutti i ponti che collegano le quattro isole del Regno di Regiomonte per recuperare la corona del Principe dalle fauci di terribili dragoni e scongiurare la minaccia del Re degli Abissi. Ogni sera la prova si ripete dopo che il Re degli Abissi a suo piacere ha scompaginato i ponti. Prevarrà l'ingegno dei cavalieri o l'inganno del Re degli Abissi? Come nella storia vera sarà l'intervento di Leonhard Euler, calatosi nel racconto, a porre la parola definitiva sulla questione.
In appendice alla storia, note sull'origine della topologia matematica che vede la sua nascita proprio nella soluzione di Eulero al problema di Königsberg, ed altri complementi.
76 pagine, illustrazioni a colori

sfoglia il libro: parte 1
 

Ahmose e i 999.999 lapislazzuli

testo di Raffaella Petti, illustrazioni di Simone Frasca
Nell'antico Egitto il piccolo Ahmose salverà il suo villaggio dal pericolo di una inondazione risolvendo il mistero del tesoro scomparso dal tempio del dio del Nilo. Nel corso delle vicende Ahmose si trova a dover scoprire il significato e il funzionamento dei geroglifici che servono alla scrittura dei numeri egizi. Alla fine sarà lui ad inventare ed insegnare ai saggi come scrivere il numero più grande che gli egizi avessero mai scritto: un milione.
In appendice alla storia, una breve descrizione della rappresentazione e dell'artimentica con i geroglifici, con quesiti e risposte.
64 pagine, illustrazioni a colori

sfoglia il libro: copertina, parte 1
 

Uri, il piccolo sumero

testo di Raffaella Petti, illustrazioni di Simone Frasca
Nell'antica Mesopotamia il piccolo Uri deve trovare un modo per soddisfare le richieste della mamma senza rinunciare a giocare. Passo dopo passo, ricorrendo a nuove idee, Uri inventa nuovi modi di contare: dalle dita delle mani ai sassolini di argilla, alla scrittura su tavoletta. Una storia addatta anche ai più piccoli che ripropone una tappa fondamentale dell'umanità: l'invenzione della scrittura nelle prime forme di numerazione.
In appendice alla storia, una breve descrizione della rappresentazione e dell'artimentica con i calculi sumeri, con quesiti e risposte.
64 pagine, illustrazioni a colori

sfoglia il libro: copertina, parte 1
 
per l'acquisto vai a LA BOTTEGA DI ARCHIMEDE

 

Pagina principale de
Il Giardino di Archimede

Informazioni

Mostre

Iniziative

Mappa del sito